SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO DEI PARCHI LETTERARI DI SICILIA
Home Page > Parchi Letterari > Parco Letterario di:
Stefano d'Arrigo Giovanni Verga Elio Vittorini
Nino Savarese Leonardo Sciascia Luigi Pirandello
Tomasi di Lampedusa      
Salvatore Quasimodo
:: Parco Letterario Nino Savarese

Fin dal sorgere delle istituzioni dei Parchi Letterari italiani - da un'idea di Stanislao Nievo (pronipote di Ippolito) e su proposta della relativa Fondazione Ippolito Nievo - si pose come scopo primario di battezzare un parco con il nome dello scrittore ennese Nino Savarese, perché la sua attività di scrittore, drammaturgo, poeta e saggista è riconosciuta in tutto il Paese e all'estero. Un'intenzione che va al di là della sua qualificata figura, anche perché tanti luoghi - per non dire la maggior parte - rientrano (a essere descritti nelle sue opere) nel percorso che comprende il Parco Letterario. Luoghi dunque che sono stati fonti primarie di ispirazione e scenario naturale della quasi totalità del suo lavoro di scrittore. A ciò si aggiunga che soprattutto la civiltà contadina, il mondo delle zolfare e quello degli artigiani dell'ennese furono i protagonisti delle sue opere.

 

Il percorso che è stato individuato per essere tracciato parte da Enna, dalla Rocca di Cerere e dal Castello di Lombardia; si passa la valle-quartiere di Valverde (il più antico della città e luogo del mito, poiché residenza di Demetra secondo le fonti più autorevoli e le testimonianze che, ancora oggi, ne danno conferma con i riti, le ricorrenze e le feste), quindi si arriva alla torre di Federico con i suoi giardini sovrastanti l'altro antico quartiere dei Greci.

 

Scendendo per il centro storico si passa per la chiesa Madre con - nella stessa piazza - i due musei: Alessi e Varisano. Poi si va per chiese, monasteri, palazzi antichi (Chiara monte, Pollicarini, Benedettini, Varisano) e così via, nel cuore della città dove si trova anche la torre campanaria arabo-normanna di San Giovanni, circondata da chiese antiche e abitazioni vetuste. Nel quartiere del mercato più vecchio della città, si trova la casa di Nino Savarese.

 

Proseguendo sulla strada che ci porta verso il sud della città - la Pergusina -, a soli pochi minuti di macchina troviamo il IV polo universitario siciliano, che rappresenta una "mèta" per motivare l'idea del Parco, che vede nel suo obiettivo primario l'imprenditoria giovanile. Di seguito incontriamo il villaggio Pergusa con il suo mitico lago (perché fu sopra le sue rive che Ade, dio degli inferi, rapì Persefone), zona già dichiarata riserva naturale con una estesa pineta. Sulla stessa strada, a pochi minuti di auto, si trova "Grottacalda", la miniera di zolfo che assieme a "Flori stella" rappresentò fino a dopo la guerra il più grande impianto e bacino solfifero d'Europa.

 

La miniera da tempo in disuso con tutte le strutture di archeologia industriale, è già inserita nella proposta di Parco Letterario interprovinciale (Agrigento Caltanissetta Enna) intestato a Leonardo Sciascia. Inserimento che vede la realizzazione in questo sito di un museo mineralogico dello zolfo.

 

La zona di Grottacalda è stata riconvertita "da privati" con la creazione di un vasto bosco di conifere (lì dove si intravedono i "calcheroni" delle attività minerarie del passato) e di diverse strutture attrezzate per svolgere (come da più di 5 anni fanno) l'attività di agriturismo. A 10 minuti da Grottacalda, si trova Valguarnera (Carope). Il paese, avendo dato i natali allo scrittore Francesco Lanza, contemporaneo ed amico di Savarese, costituisce quello che nel gergo dei Parchi Letterari rappresenta un "cosiddetto nodo letterario".

 

Più in là, sempre sulla stessa strada e a pochi minuti, c'è il "Parco Ronza" che rappresenta, assieme ai gran di boschi della "Bellia", uno dei polmoni verdi (se non il più vasto) della nostra Sicilia: i boschi si estendono per un chilometro fino a dopo Piazza Armerina e quasi raggiungono il bosco di santo Pietro alle porte di Caltagirone, da una parte, e le pendici dei colli limitrofi ad Aidone, dall'altra. Proseguendo si giunge al bivio Bellia, dal quale sulla destra si arriva ad Aidone. Qui si trovano il museo archeologico, gli scavi di Morgantina, il teatro di rappresentazioni classiche.

 

Andando diritto si arriva dopo solo un chilometro a Piazza Armerina che ha conservato quasi integra per non dire del tutto la sua antica struttura di sito medioevale e perciò il suo centro storico è totalmente intatto. Quindi, "dulcis in fundo", troviamo la "Villa Romana del Casale", che dista un paio di chilometri dalla città: sito dei "Mosaici" con 700.000 visitatori l'anno. L'itinerario si snoda su un territorio percorribile in mezz'ora di auto. L'intento è quello di ridimensionare la convinzione di arrivare dalle nostre parti giusto il tempo di carpire per non dire rubare una manciata di bellezze e di sensazioni particolari e uniche, e poi "scappare" subito alla volta di località siciliane sicuramente più conosciute e gettonate. Enna non ha il mare ma, come dice Savarese, "il mare da noi c'è e si estende a perdita d'occhio, è da antichissima data che lo abbiamo noi il mare, unico al mondo, si trova disteso ai fianchi e da tutte le parti del nostro 'alto' paese, solo che non di acqua frastornante ed invadente si è il nostro mare, ma cangiante di silenziose ed ondeggianti spighe si è fatto di grani si è, che il frumento ad ogni stagione, ed in maniera diversa, ci dà da mirante e a fame il pane più 'bello' del mondo".

 

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map