SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NELLE NOVE PROVINCE SICILIANE
Home Page > Le nove Province Siciliane > Itinerari nella Provincia di:
Agrigento Caltanissetta Catania
Messina Palermo Ragusa
Siracusa Trapani    
Enna
:: Itinerario Storico nella Provincia di Catania
<<< segue

MUSEO CIVICO DEL CASTELLO URSINO

L'origine del nome del Castello è oscura, noto è invece il periodo di costruzione, compreso tra il 1239 e il1250. Il Castello Ursino faceva parte di un'imponente cinta di fortificazione, voluta da Federico II. Il castrum catanese fu costruito in breve tempo su di un promontorio che si affacciava sul mare, chiuso da un ampio fossato. L'eruzione del 1669 riempì il fossato, spostando la linea di costa di qualche centinaio di metri. La struttura del Castello è tipica dell'architettura Federiciana, al centro presenta un ampio cortile interno, quadrato, decorato da sarcofagi, colonne e obelischi antichi. Numerose le sale del XIII secolo, le cui strutture originarie sono ancora oggi visibili. Altrove sono invece evidenti i rifacimenti quattro e cinquecenteschi, come il portale gotico-catalano nella sala della cappella di San Giorgio. Dal 1934 il Castello ospita il Museo Civico, nato dalle principali raccolte private cittadine, in particolare quelle settecentesche del principe di Biscari e dei Benedettini. Nel 1988 ha avuto inizio il restauro, che ha restituito alla città di Catania un monumento di inestimabile valore storico-culturale. Il patrimonio artistico custodito nel castello comprende reperti archeologici, paramenti sacri, preziose carte miniate del XVI secolo, incisioni, stampe, opere d'arte del Medioevo e del Rinascimento, oggetti di ornamento di materiale vario e una pregevole pinacoteca.

Testa di KourosIl Museo Civico di Castello Ursino, inaugurato nel 1934, nasce dalla confluenza delle raccolte private del principe Biscari e dei PP. Benedettini. La raccolta dei Benedettini, entrata in possesso del Comune di Catania nel 1866, si formò a metà del settecento per impulso dell'abate Vito Amico, intellettuale tra i più apprezzati del tempo, e del priore Placido Scammacca. Essa è costituita da materiali greci e romani, scavati e rinvenuti in città o acquistati sul mercato antiquario di Napoli e Roma, e oggetti portati dai missionari al ritorno dalla Cina e dal Giappone. Tra il 1927 ed il 1930 il Museo Civico entra in possesso delle collezione Biscari. Il nucleo principale della raccolta è formato da materiali archeologici di periodo ellenistico-romano, provenienti da Catania, e da vasi dell'antica Camarina. Tra i pezzi più pregevoli della collezione il grandioso cratere attico del IV secolo a. C., con Perseo che decapita la Gorgone, e il cosiddetto torso di Giove o di Bacco, frammento di una grande statua romana che adornava una basilica catanese. Sono inoltre da annoverare le sculture medievali e rinascimentali, i bronzi, dal XV al XVIII secolo, e i preziosi vasi di Giorgio da Gubbio. La raccolta di dipinti parte dalla collezione di Giovan Battista Finocchiaro, in possesso del Comune di Catania già dal 1826.

Ultima CenaIn seguito si arricchì delle acquisizioni del patrimonio artistico di chiese e conventi e soprattutto del museo dei Benedettini. Il patrimonio si intensificò con i contributi delle famiglie Rapisardi, Biscari, Gandolfo, Mirone, Zappalà Asmundo. Le opere che oggi si possono ammirare coprono un ampio arco di tempo che va dagli inizi del XV secolo alla fine dell’Ottocento. La pinacoteca vanta opere della scuola di Ribera, di Procaccini, Borremans, Luis de Morales, Luca Giordano, Aniello Ascione. Di notevole pregio il Guidizio Universale del Beato Angelico, la Madonna col Bambino di Antonello de Saliba. Fra la tavole cinquecentesche spicca l'Ultima Cena di Luis de Morales. Nel gruppo delle opere del XVII secolo sono particolarmente interessanti La morte di Catone, di Matthias Stomer e la Scena allegorica attribuita a Mario Minniti. Di grande impatto il San Giovanni Battista di Pietro Novelli, del quale si conserva anche un San Cristoforo.

Maggiori Info: 095/345830; Catania, p.zza Federico di Svevia.

MUSEO DEL CINEMA

Ubicato in uno degli edifici dell'area espositiva del Centro Culturale "Le Ciminiere", si estende su mille metri quadri. Allestito dal famoso architetto e scenografo svizzero François Confino, ospita una collezione eterogenea, che si apre con una raccolta delle prime lanterne magiche e prosegue con un viaggio virtuale nel mondo del Cinema. Nella sala proiezioni un video introduce lo spettatore nell'universo cinematografico, "guida" d'eccezione è l'attore Lando Buzzanca, che presenta i fotogrammi più spettacolari della storia del cinema, dal muto agli effetti speciali. L'esplorazione continua con un approfondimento sulle scoperte scientifiche sulla tecnica della proiezione delle immagini in movimento. Il secondo percorso si snoda lungo una particolare "Galleria di ritratti", costituita da monitors e filmati, sul tema del rapporto tra la Sicilia e il cinema. Le più moderne tecnologie utilizzate per la creazione dei filmati fanno rivivere le scene tratte da film famosi, come il "Gattopardo" o il "Padrino", mentre attori e registi raccontano le loro emozioni legate al mondo del cinema. Lungo le pareti e le rampe si possono ammirare manifesti originali dei film che sono ormai parte della cultura contemporanea.

Maggiori Info: 095/4011928-4012630;fax 0954011930-4011623; Catania, C/o Centro Culturale "Le Ciminiere", Viale Africa.

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map