SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NELLE NOVE PROVINCE SICILIANE
Home Page > Le nove Province Siciliane > Itinerari nella Provincia di:
Agrigento Caltanissetta Catania
Messina Palermo Ragusa
Siracusa Trapani    
Enna
:: Itinerario Storico nella Provincia di Catania
<<< segue

Di un certo interesse i due strumenti esposti: una spinetta utilizzata da Vincenzo Tobia, nonno del compositore, e un pianoforte verticale inglese adoperato dal fratello di quest'ultimo. La sala D è di particolare interesse; vi sono raccolti, infatti, numerosi manoscritti musicali autografi: composizioni degli anni giovanili, dal 1811 al 1819, lavori realizzati nel periodo di studi napoletani, le partiture di Adelson e Salvini, de I Capuleti e i Montecchi e della seconda edizione de I Puritani, oltre ad abbozzi dell'incompiuto Ernani, poi sostituito da La Sonnambula. Notevole è anche un pianoforte a tavolino. Nell'ultima sala, la E (un tempo probabilmente la cucina), sono esposti oggetti legati alla traslazione della salma di Bellini avvenuta nel 1876 da Parigi a Catania: la bara, una maschera mortuaria del Danton, fotografie e riproduzioni della cerimonia. Nel corso degli ultimi anni la direzione del Museo ha proceduto all'acquisto di altri importanti cimeli e documenti, tra cui, nel 1985, un fortepiano appartenuto al musicista e, nel 1992, una lettera di Giuditta Pasta, una di Giuditta Turina (con cui il compositore allacciò una tormentata relazione amorosa) e una di Giovanni Pacini, oltre ad una partitura de La Sonnambula.

Maggiori Info: 095/7150535; Catania, p.zza S. Francesco, 3.

CAPPELLA BONAJUTO

Basilica bizantina, databile tra il VI e il IX secolo d. C., è oggi utilizzata come spazio espositivo e sala convegni. La basilica, che ha retto a numerosi terremoti, è ubicata sotto il livello della strada, inglobata dalle fondamenta del palazzo nobiliare della famiglia Bonajuto. Restaurata e recuperata sapientemente, consta di numerosi ambienti risalenti ad epoche diverse, in parte medievali e in parte quattrocenteschi, che ospitano le attività a servizio della visita al monumento. La cappella si trova nel cuore della Civita, quartiere anticamente abitato dall'aristocrazia cittadina. Costituisce il monumento meglio conservato della Catania pre-terremoto, si data infatti nel VI-VIII secolo dopo Cristo. Nel XIV secolo diventa proprietà della famiglia Bonajuto, per volere delo re Martino, che la utilizza come sepolcreto e cappelletta di famiglia. Nel 1500 è edificato il palazzetto che si appoggia alla cappella, del quale sono ancora oggi visibili alcuni resti. Restaurata negli anni trenta sotto la direzione del grande Paolo Orsi, è stata recentemente recuperata e resa fruibile a turisti e visitatori.

Maggiori Info: 095/321338; Catania, via Bonajuto, 5-13.

CASA-MUSEO "GIOVANNI VERGA"

Ubicata al secondo piano di un palazzo ottocentesco, è la dimora in cui Giovanni Verga (1840-1922) trascorse la sua infanzia, visse e morì. Monumento nazionale dal 1940, divenne nel 1991 museo regionale, conserva gli arredi ed i libri che appartennero a Giovanni Verga. Il salotto è un'ampia stanza oggi arredata con bacheche che espongono riproduzioni di manoscritti verghiani (gli originali sono custoditi presso la Biblioteca universitaria regionale di Catania). Sulla parete destra, una cornice datata 1920 racchiude un diploma con decorazioni floreali e soggetti campestri dipinti da Alessandro Abate, dono dei soci del Circolo Unione allo scrittore in occasione del suo ottantesimo compleanno. In un angolo un busto del Verga, scolpito dallo scultore Bruno, e, su un tavolino, custodita in una teca di legno, una maschera di cera che riproduce il volto di Giovan Battista Verga Catalano, padre dello scrittore. Nella biblioteca, lungo le pareti sono disposte sei librerie di noce scuro, che custodiscono più di 2500 volumi, libri personali di Giovanni Verga.

I volumi, caratterizzati dall' eleganza dell'editoria ottocentesca, portano ancora le iniziali dorate "GV". Tra gli oltre 2600 volumi figurano opere di Giacosa, Oriani, Rod, Capuana, Di Giacomo, Deledda, Marinetti, Borgese, Villaroel, nonché di autori russi e francesi come Turgenev, Dostoevskij, Tolstoj, Gorkij, Flaubert, Maupassant, Dumas, Zola. Alle pareti, un'immagine di Antonino Abate, precettore del Verga, ed un ritratto dello scrittore, opera di Amedeo Bianchi; su di un mobile, una targa di ottone su marmo bianco con la dedica della cittadinanza di Catania allo scrittore in occasione delle celebrazioni per il suo ottantesimo compleanno. La camera da letto è un grande ambiente estremamente semplice, con salottino e caminetto. L'arredamento è sobrio: un letto, un pesante armadio, dove sono contenuti abiti e cappelli d'epoca, un mobile con specchiera, due poltrone ai lati del caminetto. Alle pareti vi sono ritratti di familiari e due fotografie incorniciate, opera di Michele Grita, che raffigurano il Verga e il nipote Marco.

Maggiori Info: 095/7150598; Catania, via Sant'Anna, 8.

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map