SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO STORICO ARCHEOLOGICO DI SICILIA
Home Page > Siti e Parchi Archeologici > Itinerario:
Villa Romana a Patti Tindari (Tyndaris) Taormina
Leontinoi Chadra e Ossena Necropoli Pantalica
Noto Antica sull’Alveria Cava d'Ispica Camarina
Valle dei Templi Heraclea Minoa Segesta
Naxos
Megara Hyblaea
Villa del Casale
 
:: Villa Romana del Casale (Piazza Armerina)

<<< segue

Così le porte e gli archi di trionfo celebrano la gloria dell'impero, la prosperità e la "pace romana". La porta era custodita dai guardiani (custodes) I visitatori attendevano l'apertura della porta seduti sui sedili ubicati alla base delle fontane.

2. CORTILE POLIGONALE - atrium

Oltre l'ingresso un grande cortile ionico aperto, di forma poligonale, con fontana al centro e circondato da 11 colonne , accoglieva il visitatore. Il pavimento dell'atrio, conserva al centro dov'è l'alveo di una fontana quadrata che, oltre ad abbellire il cortile, raccoglieva l'acqua piovana indirizzandola nella cloaca sotterranea comunicante con la grande latrina.

3. LATRINA A ESEDRA - sella

AtrioSuperato l'ingresso, immediatamente a sinistra dell'atrio poligonale, vi è la latrina semicircolare che ancora conserva la canaletta in cui scorreva l'acqua corrente per l'allontanamento degli escrementi. Si tratta di una latrina, ma era un locale molto più confortevole di quello che si possa immaginare. I clienti si sedevano tutti in fila, senza nessun divisorio, e ne approfittavano per incontrarsi e chiacchierare proprio come avveniva alle terme. Non tutti avevano voglia di pagare quando qualche esigenza fisiologica li sorprendeva per strada. I poveri e particolarmente gli avari preferivano recarsi dal "follatore", che aveva sempre pronto davanti alla bottega un grande vaso di terracotta per raccogliere l'urina necessaria per la pressatura dei peli di lepre o dei conigli con cui fabbricava tessuti di feltro. L'urina umana, o più raramente animale, particolarmente pregiata veniva preferita per la sua elevata alcalinità.

4/5. EDICOLA DI VENERE E VESTIBOLO DELLE TERME - vestibulum

Ambiente quadrangolare, con parete di fondo absidata a pavimento a mosaico, costituiva l'ingresso di servizio al complesso termale. Destinata al personale non ammesso alla domus, prende il nome dal ritrovamento di frammenti marmorei della statua di Venere che doveva essere collocata in fondo all'abside. La composizione musiva del pavimento, è una teoria di quadrati e losanghe, di fiori a quattro petali e gigli.

6. I PREFURNI - prefurnia

All'esterno, accanto ai Calidaria, si trova un forno centrale, su cui era posta una vasca contenente dell'acqua che, riscaldata, veniva immessa tramite dei tubi in piombo, nelle vasche che si trovano nei Calidaria. Sulle pareti dei forni si notano dei tubi di materiale refrattario la cui funzione era quella di non far disperdere calore ed evitare eventuali rotture causate dalle alte temperature raggiunte per riscaldare acqua e aria. L'aria riscaldata veniva immessa nell' HYPOCAUSTUM, il sotterraneo destinato al raccoglimento del calore proveniente dai forni.

7. LACONICO - laconicum

PrefurniaAl centro del complesso del Calidario è il Laconico, un ambiente che serviva per saune o bagni di natura particolare come le affezioni della pelle. la temperatura interna del locale che raggiungeva i 60 gradi. Il pavimento poteva essere praticato soltanto con sandali di legno. Il sistema della sospensura si presenta ben conservato.

7A/B. CALIDARIO - caldarium

In successione ai PRAEFURNIA si trovano tre ambienti. Nelle stanze laterali si troviamo le vasche per i bagni caldi e di vapore, di forma rettangolare quella a sinistra ad esedra quella di destra. La temperatura interna veniva regolata da VALVOLE poste sui tetti che scaricavano vapore all'esterno.

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map