SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO STORICO ARCHEOLOGICO DI SICILIA
Home Page > Siti e Parchi Archeologici > Itinerario:
Villa Romana a Patti Tindari (Tyndaris) Taormina
Leontinoi Chadra e Ossena Necropoli Pantalica
Noto Antica sull’Alveria Cava d'Ispica Camarina
Valle dei Templi Heraclea Minoa Segesta
Naxos
Megara Hyblaea
Villa del Casale
 
:: Taormina

Taormina, in provincia di Messina, è un rinomato centro turistico isolano che però rientra in questo itinerario grazie alla sua storia ed ai vari reperti archeologici qui ritrovati. Ricordiamo innanzitutto che i suoi primi abitanti furono i Siculi provenienti dal nord che vissero qui tranquilli finchè il tiranno siracusano Dionisio il Vecchio distrusse la vicina Naxos ed i suoi superstiti si riversarono su questa località. Lo stesso Dionisio si interessò alla località conquistandola, questo dopo la pace stipulata con i Cartaginesi nel 392 A.C.. Successivamente il superstite di Naxos Andromarco creò la località denominata Tauromenion, nel 358 A.C., insieme ad altri superstiti della città. La città aiutò gli interessi siracusani, ma conobbe anche altre alleanze, come quella col Re dell'Epiro Pirro, con i Romani. Con quest'ultima dominazione la città di Taormina conobbe un discreto periodo di prosperità economica.

Da quanto si evince i reperti storici ed archeologici qui raccolti sono di una certa importanza. Si può cominciare ad enumerarli a partire dal Teatro situato in una collina e che offre la possibilità di ammirare un bel panorama che comprende anche l'Etna, il Mar Ionio ed il Monte Tauro. L'attuale struttura dell'impianto è sotto l'influenza romana ed è una seconda edizione dell'edificio. Esso comprende una discreta cavea con nove settori a scalini, un doppio portico coperto sulle gradinate, un portico interno con otto entrate corrispondenti alle otto originarie scale che dividevano le gradinate, portico comprendente varie nicchie di modeste dimensioni e delle colonne, segno evidente dello stile architettonico imperiale, una scala che originariamente comprendeva due ordini di colonne di cui oggi rimane, purtroppo, solo la parte più bassa di tutta la struttura.

Tra gli altri reperti presenti nella città di Taormina si possono ricordare un Antiquarium importante per le iscrizioni epigrafiche e resoconti economici che esso contiene, un edificio ellenistico-romano che probabilmente poteva essere un ginnasio pubblico, una "Naumachia", cioè un lunghissimo muro contenente numerose nicchie di varia dimensione che preserva una cisterna con due navate e pilastri. Altri reperti più importanti si riferiscono ad un piccolo teatro romano del II secolo D.C. con una cavea divisa in cinque settori ed i resti delle abitazioni greche databili nel IV-III secolo A.C. e di una casa romana del I seco- lo A.C. nota per i suoi mosaici in bianco e nero ed una chiesa situata sopra i resti di un antico Tempio dedicato ad Iside [struttura religiosa greca costituita da un atrio coperto e da due colonne]. Un fianco del Tempio è stato inglobato dalla Chiesa.

Museo Archeologico

Il Museo Archeologico è stato a lungo desiderato, a lungo negato, malgrado Taormina rappresentasse la culla dell’archeologia siciliana, e non soltanto siciliana. Finalmente si apre sotto l’egida del Comune e in stretta collaborazione con la Soprintendenza di Messina. Nelle sale del bel palazzo trecentesco della Badia Vecchia, esempio tra i più interessanti del gotico siciliano, sono esposti i materiali dagli scavi più recenti (1984-1998). Il filo che li congiunge è quello della topografia antica della città, come ricostruibile dai grandi monumenti ancora in luce e dai risultati della ricerca degli ultimi decenni. Ma la ricerca archeologica inizia precocemente a Taormina e coincide quasi con la nascita stessa dell’Archeologia. I primi scavi nel teatro risalgono al ‘700 e furono condotti dal principe de Spuches. Per illustrare questa prima fase della ricerca, che continua ininterrotta nel ’800, accanto ai reperti dagli scavi recenti sono in esposizione molti di quelli appartenenti alla storica raccolta conservata nell’Antiquarium del Teatro e principalmente formata da sculture.

Con l’intento, infine, di unificare, anche se solo per poco, nel loro luogo di rinvenimento, sono confluite nell’esposizione anche reperti di notevole interesse, scoperti a Taormina ed ora conservati in Musei siciliani. Per le sue qualità artistiche, per il valore documentario e per le stesse circostanze di rinvenimento, la statua della sacerdotessa di Iside, senza dubbio, occupa un posto di primissimo piano.

Esempio raffinatissimo oltre ché raro della scultura dell’avanzato II secolo d.C., la statua rappresenta una delle testimonianze più efficaci e dirette del culto di Iside e Osiride a Taormina. E’ scoperta nel 1861 da Saverio Cavallari nel corso delle esplorazioni condotte nell’area antistante la Chiesa di S. Pancrazio, costruita su di un tempietto di tarda età ellenistica.

 

Si tratta di un importante ritrovamento, che, insieme a due iscrizioni, permette di attribuire con certezza al culto delle Divinità Egizie il più antico edificio: la statua è subito trasferita a Palermo, dove entra a far parte delle collezioni del Museo Archeologico.

 

In esposizione sono anche taluni esemplari di oreficerie ellenistiche e bizantine, acquistati da P. Orsi presso antiquari taorminesi agli inizi del ‘900. Sono la testimonianza dell’interesse dello studioso per Taormina e per il suo allora fiorente mercato antiquario; interesse, che travalica l’archeologia, come illustrano i vasi del sei, settecento in maiolica, già della collezione Cacciola ed ora al Museo Bellomo di Siracusa.

Per Info: Tel. 0942 620112 - Apertura 09,00/13,00 - 16,00/20,00.

 

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map